Lesioni durante una competizione sportiva

Avvocato sport – Che succede in caso di lesioni causate durante una competizione sportiva?

La Suprema Corte di Cassazione torna, nella sentenza in commento, ad occuparsi di lesioni cagionate da un partecipante ad una competizione sportiva.

avvocato sport
Ph.: Naparazzi, lic. CC

Infatti, per i fatti occorsi nell’ambito di una gara ed idonei ad integrare i delitti di lesioni o di percosse l’autore non è punibile poiché si ritiene esistente la causa di giustificazione del consenso dell’avente diritto con riferimento al cosiddetto rischio consentito (art. 50 cod. pen.), oppure opera una causa di giustificazione non codificata ma esistente nell’ordinamento, in considerazione dell’interesse primario che l’ordinamento statuale riconnette alla pratica dello sport.

Nella sentenza riportata, i Giudici di legittimità hanno ritenuto che però tali cause di giustificazione non siano operanti nel caso in cui, durante una partita di calcio ma a gioco fermo, un calciatore colpisca l’avversario.

In motivazione la Suprema Corte ha precisato che la condotta lesiva è esente da sanzione penale allorché se avviene nel’ambito dell’attività sportiva.

Al contrario l’ipotesi di lesioni volontarie punibili si verifica nel caso in cui la gara sia soltanto l’occasione dell’azione violenta mirata alla persona dell’antagonista.

Cass. pen. Sez. V, 28/03/2017, n. 33275 (rv. 270498)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: