Doping: diritto alla vita privata violato da whereabouts e test a sorpresa?

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è stata chiamata a pronunciarsi in materia di doping, stabilendo che i cosidetti whereabouts (informazioni fornite dagli atleti circa la propria reperibilità) ed i test a sorpresa non violano il “diritto al rispetto della vita privata e familiare” di cui all’art. 8 CEDU.

avvocato sport ciclismo doping
Ph: Ciclismo Italia, lic. CC

Per la corte di Strasburgo, infatti, è legittima la regolamentazione relativa agli obblighi incombenti sugli sportivi inseriti nelle liste d’interesse degli atleti di alto livello e non viola l’art. 8 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, (rubricata “Diritto al rispetto della vita privata e familiare“).

Gli atleti inseriti in tali elenchi (NADO Registered Testing Pool), infatti,  sono tenuti a fornire informazioni sulla propria reperibilità quotidiana (i cosidetti whereabouts).

Per i Giudici, si tratta di una disciplina che offre alla imprescindibile lotta al doping un quadro equilibrato, dal momento che, pur imponendo notevoli obbligazioni, fissa anche un sistema di garanzie costituito dalla possibilità di opporsi alla inclusione nelle liste d’interesse, di difendersi in sede giustiziale, di sapere in quali orari possono essere effettuati i controlli, nonchè di impugnare le sanzioni innanzi alla giurisdizione amministrativa.

Leggi su dirittomedicinasport.it la sentenza: corte europea diritti dell’uomo, sez. V, 18 gennaio 2018 n. 48151/11 e n. 77769/13]

Leggi altri articoli in materia di diritto sportivo: Responsabilità di chi organizza un rally

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: