Procedimenti disciplinari militari

L’avvocato militare è spesso chiamato ad affiancare l’appartenente alle Forze Armate nell’ambito dei procedimenti disciplinari.

L’avvocato militare è un esperto nella cosi detta “disciplina di stato” che, unitamente alla “disciplina di corpo” costituisce la colonna portante dei procedimenti disciplinari previsti dal Ministero della Difesa per gli appartenenti alle Forze Armate.

avvocato militare
Procedimenti disciplinari Ministero Difesa

Sempre più frequentemente l’avvocato è chiamato ad affiancare il militare in occasione di procedimenti disciplinari.

In questo articolo affrontiamo la prima parte dell’inchiesta formale, che può prendere avvio in caso di grave illecito disciplinare oppure in caso di procedimento penale.

Con l’avvio dell’inchiesta formale e con la contestazione degli addebiti viene nominato un Ufficiale Inquirente, di grado non inferiore a capitano.

Questi informerà l’incolpato della pendenza dell’inchiesta, invitandolo a prendere visione degli atti, a nominare un militare difensore, a sostenere un colloquio o a produrre memorie difensive.

Contemporaneamente, l’Ufficiale Inquirente svolgerà gli accertamenti ritenuti necessari ed andrà a compilare una “relazione riepilogativa”.

Sebbene in questi procedimenti non sia possibile nominare un avvocato “civile”, è comunque opportuno rivolgersi ad un professionista che, dall’esterno, possa consigliare il militare su come comportarsi ed eventualmente predisporre una memoria difensiva nei suoi interessi.

Il militare potrà comunque farsi assistere nel procedimento da un collega che lo affiancherà con funzione di difensore nell’iter disciplinare.

Nei prossimi articoli vedremo come prosegue il procedimento disciplinare militare e quali possono essere le conclusioni.

A questo link è possibile scaricare la Guida tecnica procedure disciplinari del Ministero della Difesa.

Contattaci per farti assistere in un procedimento disciplinare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: